Le previsioni del mare e del surf per la regione Schignano mostrano tutte le informazioni importanti sul tempo nel mare. Non importa se l'altezza delle onde o il periodo delle onde, o la velocità del vento, potete trovare il miglior spot per il surf o il miglior tempo per la vela con le nostre previsioni meteo marine. Gli meteogrammi normalmente si riferiscono al periodo dei prossimi sei giorni, con risoluzione oraria. Usa il meteogramma insieme alle nostre mappe meteo per individuare lo spot migliore.

Velocità e raffiche del vento

Il primo meteogramma mostra le velocità medie del vento a 10 e 80 metri sopra la superficie, e le raffiche di vento. È importante considerare sempre le raffiche, poiché possono superare del 30-50 velocità media del vento e provengono anche da direzioni leggermente diverse. In generale, la velocità del vento e l'altezza significativa delle onde sono correlate, cioè più forte è il vento, più grandi sono le onde. Inoltre, le frecce indicano in ogni caso in quale direzione soffia il vento. Controllate le condizioni del vento per il vostro surf spot sulla nostra mappa delle previsioni del vento.

Precipitazioni

Il secondo diagramma indica le quantità delle precipitazioni e le condizioni meteorologiche sono riassunte graficamente da pittogrammi. Questi mostrano il sole, le nuvole, il tipo e l'intensità delle precipitazioni e i temporali per il periodo di tempo a cui si riferisce la previsione. Se avete bisogno di informazioni più precise sulle precipitazioni, controllate la nostra mappa delle precipitazioni o il nostro radar meteo.

Altezza delle onde di swell e delle onde da vento

Il terzo grafico mostra le diverse altezze e direzioni delle onde.

L'altezza dell'onda da vento è mostrata in azzurro. Queste sono le onde che sono state generate dai venti locali intorno alla località.

Verde-blu sono le cosiddette altezze di moto ondoso (Swell). Il swell sono onde generate lontano dalle acque locali. Queste onde possono avere origine molto distante e poi viaggiare per centinaia di chilometri fino a diventare finalmente "surf" sulla costa.

L'altezza d'onda significativa (linea blu scuro) rappresenta una media delle più grandi 33% di tutte le onde (comprese quelle da vento e di swell) in una data zona di mare e in un dato periodo di tempo. È l'altezza che un osservatore esperto riporterebbe. Poiché si tratta di una media, è abbastanza possibile che le onde più grandi (vedi Onde anomale) superino questo valore.

Le frecce indicano la direzione dell'onda in cui si stanno muovendo. Per trovare lo spot migliore, controllare le nostre mappe delle onde.

Onda primaria e periodo di swell

L'ultima tabella mostra il periodo del moto ondoso. Il periodo è dato in secondi. Il numero indica quanto tempo passa dal picco della prima onda al picco della seconda onda. Generalmente, più lunghi sono gli intervalli tra i picchi delle onde, più ordinate e forti saranno le onde che colpiranno la riva. Usate le nostre mappe del periodo delle onde per trovare i migliori spot.

Le migliori condizioni meteorologiche per i surfisti

Panoramica rapida delle condizioni di surf (principianti):

  • Altezza d'onda significativa massima 1,5 metri
  • La velocità del vento dovrebbe essere al massimo di 40 km/h.
  • Idealmente, i venti terrestri stabilizzano le onde, mentre che i venti marittimi tornano le onde e l'acqua diventano disordinati.

Condizioni di vento

Il fattore più importante per la formazione delle onde è il vento, che crea un movimento di particelle d'acqua quando entra in contatto con l'acqua (shear stress). Queste particelle continuano poi a spingere l'una contro l'altra. Come regola generale, più grande è l'area dell'oceano e più forte è il vento, più grandi sono le onde.

A seconda della velocità del vento, le onde assumono velocità diverse. Se le onde più veloci raggiungono un'onda precedente più lenta, questo può creare onde sovrapposte, ed eventualmente le cosiddette onde anomale.

Quando una grande onda incontra un fondale marino fortemente ascendente, quest'onda si franga bruscamente, creando il famoso "tube".

Un altro punto essenziale sono i venti offshore e onshore. Questi indicano la rispettiva direzione del vento sulla costa. Il vento di mare (Onshore) soffia dal mare verso la massa terrestre. Il vento di terra (offshore) soffia dalla terra verso il mare. Forti venti di mare possono causare grandi onde che si infrangono sulla costa, mentre i venti di terra non generano quasi onde vicino alla costa.

I surfisti avanzati possono godere di situazioni in cui forti venti di mare soffiano per alcuni giorni, seguite da un leggero vento terrestre: in queste condizioni, lunghe onde swell garantiranno un certo divertimento di surf (relativamente sicuro).
Le condizioni attuali possono essere trovate sulla nostra mappa del vento.

Periodo e qualità delle onde

La qualità dell'onda è correlata al periodo dell'onda. Le onde alte con un basso periodo (meno di 10 secondi) sono generalmente ripide e causano violenti frangenti in acque poco profonde. I piccoli periodi sono tipici delle onde da vento, generate da venti che soffiano attivamente nella zona.

Le onde adatte al surf di solito hanno un periodo lungo, come è generalmente il caso con il moto ondoso.
Quindi, per buone condizioni di surf, un periodo più lungo è preferibile.

Le migliori condizioni meteorologiche per velisti e barche

I fattori più importanti per le barche e i velisti sono il vento, le onde e gli avvisi di tempesta (vedere la nostra mappa degli avvisi). Le onde sono un fattore di disturbo e dovrebbero essere il più basso possibile nel migliore dei casi per garantire un mare calmo. Pertanto, ora esamineremo i fattori più importanti per riconoscere il miglior tempo per navigare.

Condizioni ideali per i principianti:

  • Velocità del vento tra 2-3 Bft (4 -10 kn). A questa velocità del vento, le manovre sono facili da eseguire e gli errori vengono perdonati.
  • Altezza d'onda significativa da 0 a 1 m

Condizioni di navigazione ideali per velisti esperti:

  • Velocità del vento tra 4-5 Bft (10-21 kn). A questa velocità del vento, le manovre richiedono più forza e una migliore coordinazione per evitare danni e lesioni.
  • L'altezza d'onda significativa sarà tra 1 e 2 metri e le onde possono frangere in determinate circostanze

Vento

Il vento rappresenta la principale propulsione per una barca a vela e quindi la prima variabile meteorologica che un velista considererà.
Troppo poco vento (o zero vento) costringerebbe i velisti a usare il motore (portando ad una spiacevole navigazione a motore) o ad aspettare che il vento si alzi.
La prima cosa che un velista cercherà di garantire quando pianifica un viaggio a vela di piacere è quindi la presenza (e la permanenza) di almeno 5 kn di vento per tutta la durata prevista del viaggio.
Condizioni di vento tra forza 3 e 5 della scala Beaufort (7-21 kn) sono di solito condizioni gestibili e piacevoli per il velista medio, anche se il comfort effettivo del viaggio a vela sarà dettato anche dalla direzione del vento rispetto alla destinazione desiderata e dalle onde.
Venti più forti richiedono un'attenta valutazione e una buona esperienza di vela. Con l'aumentare della velocità del vento, infatti, si esercita una maggiore pressione e stress sulle vele e sull'attrezzatura: le manovre diventeranno più difficili da eseguire e gli errori potrebbero causare gravi danni e/o lesioni.
Un altro fattore importante da considerare sono le raffiche di vento e l'altezza dell'albero: le raffiche possono essere dal 30 al 50% più forti della velocità media del vento e le scelte delle vele dovrebbero essere fatte in conseguenza. Inoltre, la velocità del vento rilevante per una barca a vela è quella a 10 m, ma le barche a vela con alberi più alti dovrebbero tenere conto di velocità più elevate: con un albero di 15-20 m, 10-20% dovrebbe essere aggiunto alla velocità media del vento prevista a 10 m.
È sempre buona pratica consultare i bollettini marittimi ufficiali e gli avvisi meteorologici per la zona di interesse e anche per quelle vicine, per evitare di essere sorpresi in mare in condizioni pericolose.

Onde

L'altezza delle onde significative serve come un buon valore di riferimento e di orientamento. Rappresenta l'altezza media dell'onda, dal trogolo alla cresta, del terzo più alto delle onde.

Per le onde, l'altezza ma anche il periodo sono importanti. Più lungo è il periodo, meno ripida è l'onda. Le onde alte con periodi molto lunghi possono a volte passare tranquillamente sotto la barca, e creare condizioni ideali per il surf. Le onde alte con un periodo breve diventano rapidamente sgradevoli e ripide e potrebbero essere pericolose se frangono.

Se il vento soffia dalla stessa direzione per un lungo periodo, la direzione delle onde è generalmente costante, la loro altezza è proporzionale alla distanza di mare su cui il vento ha soffiato indisturbato ("fetch"). Tuttavia, se ci sono cambiamenti subiti nella direzione del vento, può verificarsi il cosiddetto "mare incrociato". In questo caso, le onde cominceranno ad arrivare da due direzioni, quella da cui soffiava il vento prima e la nuova direzione del vento, con il risultato di un mare agitato e confuso.

Tornare su