Le allerte meteo diventano globali

Le allerte meteo dei servizi meteorologici nazionali sono ora disponibili sulla nostra prima pagina per più di 100 paesi in tutto il mondo. Forniscono una rapida panoramica di 15 categorie di rischi naturali e dello stato ufficiale di allarme meteorologico nella località selezionata.

meteoblue introduce una nuova funzione a livello mondiale: Gli Avvisi Meteo, che forniscono informazioni istantanee e concise sui possibili Allarmi Meteo Ufficiali nell'area selezionata, e sono mostrati sulla nostra pagina principale, direttamente sopra il Meteogramma - 5 giorni.

Le Allerte Meteo si basano sugli avvisi CAP (Common Alerting Protocol) del Severe Weather Information Centre 2.0 dell'Organizzazione Meteorologica Mondiale (OMM). CAP raccoglie le allerte meteo ufficiali dai Servizi Idrometeorologici Nazionali (NHMS) di tutto il mondo, le elabora e le pubblica sotto forma di un breve testo. Gli allerte CAP sono emessi da molti paesi come mostrato nella mappa. L'elenco completo può essere trovato qui.

Le allerte meteo meteoblue sono mostrate per 15 categorie di rischio naturale: Vento, Neve, Temporale, Bassa visibilità, Calore, Freddo, Evento costiero, Incendio, Valanga, Pioggia, Alluvione, Grandine, Geologico, Qualità dell'aria, Vulcanismo.

Il nostro sistema controlla gli aggiornamenti ogni 5 minuti, assicurandosi che il nostro database e le informazioni visualizzate sul sito web siano il più affidabili possibile.

Anche se CAP deve ancora essere adottato da diversi paesi, la diffusione di standard come CAP è senza dubbio un elemento chiave per facilitare l'implementazione di sistemi che forniscono alarmi meteorologichi in tutto il mondo, come quello implementato sul sito web meteoblue.

Ritrasmettendo queste allerte, meteoblue sostiene lo sviluppo di questi standard, così come il principio della diffusione delle alarmi meteo ufficiali a voce singola, fornendo ai nostri utenti le informazioni più accurate e affidabili possibili.

Ringraziamo il WMO e l'NHMS per i loro sforzi, speriamo che più paesi si uniscano al sistema e apprezziamo ulteriori suggerimenti.

Scrivete un commento

Dovete essere registrati per commentare gli articoli